Prodotti Omeopatici si o no bio-vegsalus - bio-vegsalus

Prodotti Omeopatici si o no bio-vegsalus

 

 

L’Omeopatia con i Prodotti Omeopatici sono una branchia della Medicina alternativa, nata in Germania oltre 200 anni fa.

 

I punti chiave dell’Omeopatia

 

  • Non esistono molte prove a sostegno che l’Omeopatia sia un trattamento efficace per le condizioni specifiche.

 

  • Si dà per scontato che tutti i rimedi omeopatici siano  altamente diluiti e quindi è improbabile che possano causare danni.

 

  • Alcuni prodotti etichettati come omeopatici possono contenere notevoli quantità di principi attivi e quindi potrebbero causare effetti collaterali e interazioni farmacologiche.

 

  • Diversi concetti chiave dell’Omeopatia non sono coerenti con i concetti fondamentali della chimica e della fisica.

 

Il sistema dell’Omeopatia sostiene “il Principio di Similitudine”.

 

Nello specifico è che, “Le malattie guariscono con i rimedi che provocano in un individuo sano i sintomi della malattia stessa“.

In un individuo sano tutte le sostanze attive provocano i sintomi che caratterizza quella sostanza.


E ogni individuo ammalato presenta una sintomatologia caratteristica di quella malattia.


La guarigione, avviene con la soppressione di tutti i sintomi della malattia facendo assumere al malato il principio attivo che ha causato all’elemento sano i sintomi della malattia.

 

Un’altra teoria è “la dose deve essere minima”, ovvero che più è bassa la percentuale del principio attivo e più il rimedio è efficace.

 

La maniera di comportarsi del rimedio omeopatico è equiparato a quello dei catalizzatori, sostanze i cui principi attivi sono in percentuali infinitesimali e rimangono fondamentali per lo svolgersi di parecchie reazioni chimiche.

 

Molti rimedi omeopatici si avvalgono di diluizioni talmente elevate che le molecole della sostanza originale sono pressoché inesistenti.

 

Il rimedio omeopatico, mette l’ammalato in condizioni di guarire, perché stimola le difese naturali dell’organismo contro l’agente responsabile della malattia.

 

Curarsi con l'Omeopatia (eBook) Istituto Riza di Medicina Psicosomatica Curarsi con l’Omeopatia (eBook)
Tutti i disturbi dalla A alla Z
Istituto Riza di Medicina PsicosomaticaCompralo su il Giardino dei Libri

 

 

I rimedi omeopatici sono derivati da sostanze che provengono da piante, minerali, o animali, come la cipolla rossa, arnica, le api intere schiacciate, arsenico bianco, edera velenosa, Belladonna, e l’ortica.

 

La maggior parte dei rimedi si trovano sotto forma di granulipalline” di zucchero contenenti il principio diluito, vanno posizionati sotto la lingua e fatti sciogliere lentamente.

I dosaggi, le diluizioni vanno da persona a persona, non è detto che per uno stesso sintomo, dosi e diluizioni siano uguali.

 

L’Omeopatia cura il quadro generale che ha causato la malattia, cioè, ristabilisce il giusto equilibrio dell’organismo per una persona sana.

 

Altri prodotti si possono trovare in creme, gel, pomate, gocce e compresse.

 

Che cosa è la diluizione nell’Omeopatia

 

Le diluizioni


Diluire omeopaticamente un principio attivo vuol dire portarlo una minor concentrazione di volta in volta fino ad ottenere un punto tale per cui non avremo più alcun effetto tossico indesiderato, ma a ricevere una risposta omeopatica desiderata.

 

Possono essere “centesimali” o “decimali”.

 

  • Diluizioni centesimali.



Una parte di tintura madre viene aggiunta a 99 parti di una sostanza senza alcuna azione terapeutica che può essere una miscela di alcool etilico e di acqua in diluizioni liquide, o lattosio nel caso di diluizioni solide.

 

Si miscela accuratamente per agitazione in diluizioni “liquide“, o triturazione in mortaio nel caso di diluizioni “solide“.

Queste due operazioni sono la “dinamizzazione”, necessaria per sviluppare l’attività del rimedio omeopatico.

Ottenendo in questo modo la prima diluizione centesimale 1CH.

 

Una parte della diluizione 1CH viene “agitata o “triturata” in egual maniera della precedente ottenendo la diluizione 2CH e così di seguito per le altre diluizioni.

 

 

Diluizioni decimali.

Miscelando nello stesso modo, il principio attivo in tintura madre con 9 parti di alcool etilico e acqua o lattosio, che sia diluizione liquida o solida, si ottiene la prima diluizione decimale1 DH o 1 X o 1D.

 

Effetti collaterali e rischi

.


Alcuni prodotti omeopatici, chiamati “nosodi” o “vaccinazioni omeopatiche“, sono indicati come sostituti alle vaccinazioni convenzionali, ma alcune scuole di pensiero sostengono che non esistono dati a confermare ciò.

 

Mentre molti rimedi omeopatici sono molto diluiti, alcuni prodotti venduti o etichettati come omeopatici non possono essere altamente diluiti e possono contenere notevoli quantità di ingredienti attivi.

 

Come tutti i farmaci o integratori alimentare contenenti ingredienti chimici, i prodotti omeopatici possono causare effetti collaterali o interazioni con altri farmaci.

 

In Italia dopo 17 anni autorizzazioni transitorie alla vendita dei prodotti omeopatici verrà applicata una normativa europea che rivoluzionerà la produzione.


Tutti i principi attivi già in commercio, verranno controllati dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, e registrati in via definitiva.

 

Ci saranno come minimo tre grandi categorie di prodotti nuovi che potrebbero arrivare sul mercato.

  • I nosodi, vaccini efficaci contro l’influenza.

 

  • Poi forme omeopatiche di farmaci della tradizione cinese, ayurvedica o europea che possono servire contro virus anche importanti.

 

  • I prodotti complessi, nati dall’unione di più principi attivi che potrebbero servire a problemi come le dipendenze o i pazienti cronici.

In America i rimedi omeopatici che soddisfano determinate condizioni possono essere immessi sul mercato senza l’approvazione dell’agenzia di controllo dei farmaci.

 

I rimedi devono contenere principi attivi che sono elencati nella omeopatico Farmacopea degli Stati Uniti.

 

Elenco dei principi attivi che possono essere legalmente inclusi nei prodotti omeopatici e gli standard per la forza, la qualità e la purezza dell’ingrediente.

 

Inoltre, richiede che l’etichetta sul prodotto, contenitore esterno, o foglio informativo comprenda almeno un’indicazione del problema medico da trattare, un elenco degli ingredienti, il numero di volte che il principio attivo è stato diluito, e istruzioni per l’uso.

 

Durante la cura con prodotti omeopatici è sconsigliata l’assunzione nelle vicinanze o subito dopo i pasti, dopo essersi lavati i denti, non masticare chewingum o caramelle, nonché l’uso smodato di caffè e tabacco. Evitate anche la menta in ogni sua forma, pastiglie, collutori, dentifrici al mentolo, per non annullare l’azione del prodotto.  

Utilizzare preferibilmente un dentifricio omeopatico.




 

Utilizzare i prodotti omeopatici come cura

 


Il medico omeopata e solo il medico che conosce questa branchia della medicina alternativa, dopo aver fatto un’attenta analisi del vostro organismo e vostre abitudini, vi indicherà cosa assumere e i dosaggi.

 

scent-1431053_640 (FILEminimizer)
Omeopatia cura alternativa

Le prescrizioni vanno rispettate scrupolosamente   

 

 

  • Non cambiate le ore in cui dovrete assumere il rimedio
  • Non cambiate l’ordine
  • non aumentate le quantità prescritte
  • Non abolite mai un rimedio di vostra iniziativa

I granuli devono essere contati, messi nel tappo dosatore e, evitando di toccarli con le dita, posti sopra o sotto la lingua, dove si lasceranno poi sciogliere lentamente.


le gocce il più delle volte verranno diluite in poca acqua minerale naturale

 

le triturazioni vanno utilizzate prelevando dal flacone con un apposito misurino la quantità di polvere prescritta e mettendola direttamente in bocca così com’è o dopo averla sciolta in poca acqua minerale naturale.

 

 

Omeopatia dalla A alla Z  

 

 Omeopatia dalla A alla Z

Bruno Brigo

Compralo su il Giardino dei Libri

 

 

Consigliamo questo libro per chi volesse approfondire la conoscenza, un ottimo libro, facile da leggere.



Questo articolo è stato scritto al solo uso divulgativo e di nozione,  non vuole in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante a cui consigliamo, prima di utilizzare qualsiasi prodotto fresco o suo derivato, di rivolgersi per le controindicazioni e eventuali dosaggi.



Benvenuto/a lascia un commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica,in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi delle leggi vigenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi