Ormoni come equilibrarli in modo naturale - bio-vegsalus

Ormoni come equilibrarli in modo naturale

Equilibrare gli ormoni in  modo naturale

 

 

Ormoni. La parola ‘ormone’ è spesso usato nella cultura popolare come un riferimento a stati d’animo, o più precisamente a sbalzi d’umore, come quelli sperimentati da adolescenti o dalle donne in gravidanza, ma c’è molto di più dietro.

 

Gli ormoni, come gli estrogeni, il testosterone, l’adrenalina e l’insulina, sono messaggeri chimici estremamente importanti che influiscono in molti aspetti della salute.

 

Sono secreti da varie ghiandole, come la tiroide, l’ipofisi, le ghiandole surrenali, le ovaie, i testicoli e il pancreas. Sono un gruppo di sostanze biochimiche che regolano la crescita e lo sviluppo, la libido,  la funzione riproduttiva, il metabolismo, e (sì) anche lo stato d’animo.

 

Quando il sistema endocrino si sbilancia, sperimentiamo un intero pantano di problemi di salute.

I sintomi possono essere: irritabilità, cattiva digestione, stanchezza e aumento di peso, molti dei quali sono spesso attribuiti ad altre cause.

 

I trattamenti convenzionali per gli squilibri ormonali includono terapie ormonali sintetiche di sostituzione, pillole anticoncezionali, iniezioni di insulina, farmaci della tiroide e altro ancora.

 

Ma questo provoca, nelle persone che usufruiscono di questi trattamenti sintetici, delle conseguenze tra le quali, la dipendenza da questi farmaci per il resto della loro vita, al fine di tenere sotto controllo i sintomi, effetti collaterali come ictus, osteoporosi, ansia, problemi riproduttivi, cancro e altro.


Segni e sintomi di squilibri ormonali

I più comuni sono:
Infertilità.

L’aumento di peso o perdita di peso (dove la causa è inspiegabile e non è dovuta cambiamenti intenzionali nella dieta).

Depressione e ansia.

Fatica.

Insonnia.

Libido bassa.

Le variazioni di appetito, problemi digestivi.

La perdita dei capelli e diradamento dei capelli.

 

Alcuni problemi specifici associati con squilibri ormonali più comuni sono:

 

    • Predominanza di estrogeni: cambiamenti nel sonno, cambiamenti di peso e di appetito, maggiore stress percepito, rallentato metabolismo.

 

    • Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS): infertilità, aumento di peso, più alto rischio per il diabete, l’acne, la crescita dei capelli anormale.

 

    • Basso livello di estrogeni: basso desiderio sessuale, problemi riproduttivi, irregolarità mestruali, cambiamenti di umore.

 

    • Ipotiroidismo: metabolismo rallentato, aumento di peso, stanchezza, ansia, irritabilità, problemi digestivi, periodi irregolari.

 

    • Basso livello di testosterone: disfunzione erettile, perdita di massa muscolare, aumento di peso, stanchezza, disturbi dell’umore.

 

    • Ipertiroidismo e morbo di Grave : ansia, diradamento dei capelli, perdita di peso, IBS ( sindrome dell’intestino irritabile), disturbi del sonno, battiti cardiaci irregolari.

 

    • Diabete: aumento di peso, danni ai nervi (neuropatia), più alto rischio di perdita della vista, stanchezza, problemi di respirazione, secchezza della bocca, problemi della pelle.

 

  • Affaticamento surrenale: stanchezza, dolori muscolari e dolori, ansia e depressione, disturbi del sonno, nebbia del cervello, problemi riproduttivi.

 

 

Ci sono però, dei metodi che è possibile utilizzare per bilanciare gli ormoni in modo naturale e, contemporaneamente, migliorare molti altri aspetti della salute.

 

I fattori di rischio che causano gli squilibri ormonali sono causati da varie combinazioni di fattori, come la dieta, i livelli di stress, genetica, esposizione alle tossine dell’ambiente.

Quelli  che contribuiscono comprendono:

  • Allergie alimentari e problemi intestinali.
  • Sovrappeso od obesità.
  • Alti livelli di infiammazione causata da una cattiva alimentazione o dalla sedentarietà.
  • Suscettibilità genetica,
  • Esposizione a pesticidi, tossine, virus, sigarette, eccesso di alcol.
  • Elevati livelli di stress, poco sonno e riposo.



 

 I suggerimenti per bilanciare gli ormoni naturalmente

 

Mangiare grassi sani

 

Compresi olio di cocco e avocado, il nostro corpo ha bisogno di diversi tipi di grassi per creare gli ormoni, tra cui i grassi saturi e il colesterolo, questi servono anche per mantenere bassi i livelli di infiammazione, aumentano il metabolismo e favoriscono la perdita di peso.

Alternative agli oli ad alto contenuto di grassi polinsaturi: olio vergine di oliva, olio di avocado, burro naturale, salmone selvatico e olio di cocco (o latte).

Una dose giornaliera di olio di cocco, considerato da molti appassionati di vita naturale e professionisti, come il più sano dei grassi saturi. Ha la capacità di equilibrare la funzione della tiroide. Come se non bastasse, l’olio di cocco contiene una particolare forma di grasso che aiuta il nostro corpo a mantenere il peso giusto, aumentando il metabolismo e livelli di energia.
Per un miglior risultato usare l’olio di cocco spremuto a freddo.

ormoni

Integrare il magnesio

 

Non è possibile, per la maggior parte delle persone, ottenere tutto il fabbisogno giornaliero di cui il corpo ha bisogno, solo dal cibo.

Per aiutare l’equilibrio ormonale, potrebbe essere necessario integrare un po’ il magnesio, anche attraverso un integratore.

Il magnesio vanta tre grandi doni per la regolazione ormonale. Innanzitutto, aiuta il corpo nella sintesi di acido ribonucleico (RNA) e acido desossiribonucleico (DNA) che sono i mattoni della vita.
Aiuta anche il tratto digestivo ad assorbire proteine e grassi che sono necessari per la produzione di ormoni sani.

Infine, è un precursore per la produzione di serotonina, quella che ti rende felice.

 

Vitamina-D

 

C’è una ragione per cui alla luce del sole ci si sente bene.
La vitamina D è prodotta naturalmente dalla reazione fotochimica che si verifica nelle nostre cellule della pelle quando siamo esposti alla luce solare, o, più precisamente, ai raggi ultravioletti B.

La vitamina D si lega ad una proteina presente nel sangue poi viaggia attraverso il sistema circolatorio di vari organi (cervello, cuore, organi riproduttivi, intestini, ossa, reni, ecc) che regolano le funzioni essenziali, come la produzione di DNA / RNA, il sistema immunitario e sistemi neuromuscolari e la produzione di ormoni.
Senza di essa, il nostro sistema endocrino è malato.

E’ importante, naturalmente, cercare di uscire al sole il più possibile, fare esercizi all’aperto quando è possibile. In alternativa, si dovrebbe almeno scegliere un integratore che contiene vitamina D.

 

Mangiare più Gelatina

 

Questo può sembrare sciocco, ma mangiare la gelatina ( gelatina naturale), può fare miracoli per bilanciare gli ormoni naturalmente.

La gelatina è ricca di calcio, magnesio e fosfati, minerali che favoriscono la digestione e gli ormoni.
Essere sicuri di acquistare la gelatina priva di sostanze chimiche nocive.

 

Evitare le tossine

 

Le tossine si trovano nella plastica, detergenti per la casa, e pesticidi e possono interferire con la funzione ormonale.
Evitare la cottura dei cibi in contenitori di plastica (quelli per il microonde per intenderci) e cambiare i contenitori in plastica con vasi di vetro.

Cambiare le pentole e padelle in teflon per quelle in ghisa o acciaio inox.

Inoltre, cercare di consumare solo frutta e verdura biologica. Allo stesso modo, sostituire sostanze chimiche come ammoniaca e candeggina con detergenti per la casa del tutto naturali. Come Green Box – Kit di detersivi per la casa

Infine, eliminare le tossine dall’ acqua del vostro rubinetto, con un osmosi inversa o filtro a carboni attivi  .

 

Tagliare la caffeina.

 

Questo può sembrare un consiglio difficile da seguire per molte persone, ma troppa caffeina nel flusso sanguigno può aggravare uno squilibrio endocrino esistente.
Se non si è disposti a eliminare la caffeina del tutto, cercare almeno di ridurre il consumo. Evitare bevande contenenti caffeina in quanto possono causare più di un semplice problema ormonale.
Anche una bevanda, contenente caffeina, in meno, al giorno può avere un impatto positivo sulla salute ormonale.

 

Dormire il giusto.

 

La mancanza di sonno, aggiunge stress al corpo e ostacola gravemente la capacità del sistema endocrino di rigenerarsi e di regolare gli ormoni sani.
Ci sono molti fattori che possono contribuire alla incapacità di una persona di riposare bene, una dieta scorretta e la mancanza di tempo sono i due più grandi.



 

Fare esercizi saggiamente.

 

Molte persone pensano che un allenamento duro è una delle chiavi per la regolazione naturale dell’umore.
La realtà è che un’ eccessiva attività cardiovascolare può avere un impatto negativo su un sistema endocrino già stressato.

Provare, invece, jogging, nuoto, o anche qualcosa di semplice come fare una passeggiata nel parco, che sono attività poco stressanti e che fanno bene al cuore.

A seguire magari, per chi frequenta una palestra, una routine di sollevamento pesi composta da set brevi, utilizzando pesi pesanti, ne beneficerà ulteriormente il corpo innescando il rilascio di ormoni sani nel flusso sanguigno.

 

Equilibrio della Leptina.

 

Lo squilibrio della Leptina è un altro problema comune che causa interruzioni ormonali, soprattutto in soggetti sovrappeso.

Questo ormone è direttamente correlato al metabolismo dei grassi immagazzinati, il sintomo più evidente dello squilibrio della Leptina sono quelle voglie frequenti di mangiare.

Se siete inclini a mangiare snack anche notturni, (spesso per cibi ad alto contenuto di calorie, carboidrati e grassi) si può avere sviluppato una resistenza alla Leptina.

Per riequilibrarla, bisogna cominciare evitando cibi come i carboidrati semplici (pane bianco, riso bianco, zucchero bianco), e grandi quantità di cereali.
Quando si acquistano i generi alimentari, stare lontano dagli alimenti confezionati.

Comprare prodotti non trasformati e carni ad alto contenuto di proteine e grassi sani, come il salmone, tonno, sgombro, manzo nutriti al pascolo, olive, avocado e uova (l’uovo intero, non solo i bianchi!).

Ultimo, ma non meno importante, la lotta alla voglia di uno spuntino.
Provate a mangiare piccoli pasti equilibrati a distanza di circa 4 ore. Questo condizionerà il vostro corpo a un programma di sana alimentazione.



 

Conclusione

 

Riequilibrare uno squilibrio ormonale richiede tempo e tutti i potenziali cambiamenti coinvolti, possono sembrare eccessivi. Fare un passo alla volta. Stilate un programma e tenete note del vostro progresso.
Può essere molto difficile in un primo momento, ma dopo circa due settimane di mangiare sano , dormire bene, e libertà da tutto ciò che è chimico, vi sentirete molto meglio!

 

Difficile da realizzare? Penso che sia solo una questione di volontà.

 

Fonte: naturallivingideas

 

 

Benvenuto/a lascia un commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica,in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi delle leggi vigenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi