Dieta vegana meno 8 milioni di decessi nell'anno 2050 - bio-vegsalus

Dieta vegana meno 8 milioni di decessi nell’anno 2050

 

 

Dieta vegana meno 8 milioni di decessi anno 2050

cosa dicono gli esperti

 

Dieta vegana, perchè, secondo gli esperti è più salutare.

 

In un recente studio della “Oxford University”,  hanno analizzato l’effetto  sulla salute dei 4 diversi stili alimentari:  la prima un’alimentazione ricca di carne rossa,  la seconda con un consumo di circa 300 grammi alla settimana di carne,   la terza la dieta  vegetariana e per ultima la dieta vegana.

 

 

 I risultati sono stati pubblicati sulla rivista PNAS ( Proceeding of the National Academy of Sciences ) l’articolo completo: Analysis and valutation of the Health and climate change cobenefits of dietary change 2016 e il risultato, è che ci sarebbero circa 8 milioni di decessi in meno nel mondo, entro il 2050, se si adottasse una dieta vegana.

Insalata vegan
Insalata vegan

 

Un’ eventuale conseguenza,  nell’adottare questo tipo di alimentazione, sarebbe anche un cospicuo risparmio sulla spesa sanitaria e a un accrescimento nella cultura dell’agricoltura verso un indirizzo Biologico.

 

 Al di là dei minor decessi,   il fattore più importante che risulta da questo studio è che adottando uno stile alimentare,  dove vengono predilette maggiormente  (80-90%) verdure,  frutta e legumi,  possibilmente di derivazione biologica controllata,la nostra salute risentirebbe moltissimo di questi aspetti benevoli.

 

 

Cereali e fibre

 




 

Una maggior introduzione di fibre,  date da verdure e legumi,  tutti sanno che migliorano la funzionalità dell’intestino, ma è solo uno dei molteplici benefici che le fibre apportano:  riduzione del colesterolo,  del rischio cardiovascolare,  della glicemia,  malattie gastrointestinali e alcune forme tumorali.

 

Frutta e cereali a colazione
Frutta e cereali a colazione non mancano nella dieta vegana.

Ottimizzare la funzionalità intestinale introducendo fibre insolubili,  presenti nei cereali integrali e legumi,  assieme a liquidi come l’acqua,  fa aumentare la massa fecale e di conseguenza liberarsi meglio e più in fretta di tossine che altrimenti si manterrebbero a lungo nell’intestino con la possibilità di venire riassorbite dal nostro organismo.

 

Le fibre solubili,  presenti invece nella frutta e verdura,  migliorano la regolazione metabolica riducendo l’assorbimento di grassi e zuccheri.

 

Alcuni studi hanno dimostrato una riduzione della pressione arteriosa e di rischio di morte per malattie cardiovascolari, malattie respiratorie e tumori del colon,  nelle persone che consumano maggiori quantità di fibre alimentari.

 




 

ALIMENTI INTEGRALI

 

 

Fibre, cereali e sport, anche questo fa parte di una dieta vegana

Semplicemente scegliendo di eliminare gradatamente la carne,  o almeno limitarne il consumo e aumentare l’uso di alimenti integrali al 100%,  quali riso,  pane,  pasta,  cereali a colazione,  frutta,  verdura e legumi, consigliato gradualmente per non avere gonfiori addominali e mal di pancia,  non può che portare benefici al nostro corpo e di conseguenza alla nostra salute.

 

 

Benvenuto/a lascia un commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica,in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi delle leggi vigenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi