Come rendere il cervello più efficiente - bio-vegsalus

Come rendere il cervello più efficiente

RENDERE IL VOSTRO CERVELLO PIÙ EFFICIENTE ATTRAVERSO SEMPLICI METODI

 

 

 

 

Cervello, come addestrarlo ad essere più intelligente, più veloce e migliore.

 

Ci sono molte strade per costruire l’intelligenza e per consolidarla: l’ereditarietà genetica, il tipo di alimentazione che si fa da bambini, le vaccinazioni, le malattie durante l’infanzia, l’educazione prescolare, anche i tipi di punizioni che i genitori hanno decretato: ci sono studi che dimostrano che tutti questi fattori e tanti altri contribuiscono a creare l’intelligenza di un adulto.

 

Si va in palestra per allenare i muscoli. Si fanno corse o camminate o  escursioni per allenare la resistenza. Bene,  allora,  alleniamo anche una delle parti più importanti del corpo: il Cervello.

 

Così come si può lavorare duramente, in palestra o cambiare dieta, per migliorare o correggere i difetti fisici, possiamo anche allenare la mente a superare il potenziale iniziale.

 

Anche se non è un muscolo, è possibile allenare la  mente, proprio come si farebbe con i bicipiti, ad operare ad un livello significativamente più alto“, dice il neuroscienziato Michael Merzenich, Ph.D., professore emerito della University of California di San Francisco.

 

Secondo Merzenich, non ha importanza l’età o il livello di intelligenza che si possiede, poiché la materia grigia del cranio è in continua evoluzione.

 

Mettilo al lavoro, dice, e il tuo QI, acuità visiva, e la capacità di gestire ed elaborare i dati (ovvero, quelle cose che ti rendono”intelligente”) cresceranno e miglioreranno.

 

 

 

Quando ci si allena il cervello, potremmo:

 

Evitare situazioni imbarazzanti: vi ricordate il suo volto, ma…il suo nome?

Essere uno studente più veloce in tutti i tipi di competenze diverse: promozione, arrivo!

Evitare le malattie che colpiscono quando si invecchia: no, grazie, morbo di Alzheimer.



 


Metodi  per imparare più velocemente e ricordare di più, mantenendo il cervello giovane e attivo.

 

Far lavorare la tua memoria.

 

La pratica di  ricordare eventi o cose e poi discuterne con gli altri è stato supportata da studi.
Qual è il modo più semplice per aiutare te stesso a ricordare quello che vedi? Ripetizione.

 

Per esempio, diciamo che hai appena incontrato qualcuno.
“Ciao, il mio nome è Francesco”
Non basta rispondere con, “Piacere di conoscerti”.
Invece, diciamo, “Piacere di conoscerti Francesco .” Capito? .

 

Scegliere qualcosa di nuovo ogni giorno, un numero di cellulare, testo di una canzone, una nuova parola del vocabolario e cercare di imprimerlo nella  memoria, verificare dopo poche ore  se si riesce a ricordarlo “Può sembrare una perdita di tempo, ma è un esercizio estremamente utile”.

 

 

Trascorrere del tempo con i vostri cari.
 

 

Parlare con gli altri e impegnarsi con i vostri cari, aiuta a pensare in modo più chiaro e può anche sollevare l’umore, parlare con le persone aiuta a inquadrare i propri pensieri.

 

Interagire con la gente sfida la memoria, e costringe il cervello a rimanere agile e a crescere, non importa se i  nuovi amici sono reali o virtuali.”

 

Quando gli psicologi dell’University College di Londra hanno analizzato le scansioni cerebrali di 125 studenti in età del college e poi  i loro account di Facebook, hanno scoperto che gli studenti con il maggior numero di amici, avevano anche il cervello significativamente più grande, specialmente nelle aree associate con la memoria e risposta emotiva.

 

cervello

 

 

Evitare puzzle e cruciverba.

 

Molti di noi pensano che puzzle e cruciverba siano l’ideale per l’allenamento del cervello.
Ed è vero, ma solo fino ad un certo punto: migliorano la nostra fluidità, ma gli studi dimostrano che non sono sufficienti da soli. Sono divertimento? Sì. Affinano il cervello? Non proprio.
Naturalmente, se lo si fa per divertimento, va bene.

Ma se lo si fa per allenare il cervello meglio scegliere un’altra attività.



 

Mangiare sano e assicurarsi che il cioccolato fondente sia incluso.

 

Gli alimenti come pesce, frutta e verdura aiutano il cervello  in modo ottimale. Tuttavia, anche il cioccolato fondente bio aiuta.

Quando si mangia  cioccolato, il cervello produce la dopamina. E la dopamina aiuta a imparare più velocemente e ricordare meglio.

In più contiene flavonoidi, antiossidanti, che migliorano anche le funzioni cerebrali.

 

Fare più sesso.

 

Accettare quell’appuntamento al buio che il tuo amico ha cercato di combinare. Iscriversi a OkCupido per incontrare l’anima gemella.

Perché?  Gli scienziati di Princeton  ritengono che essere sessualmente attivi aumenti il numero dei neuroni, soprattutto nelle regioni responsabili per il controllo della memoria.

In più ci sarebbe anche l’accrescimento delle cellule del cervello e più connessioni tra loro.

Inoltre nelle persone che hanno rapporti sessuali con maggiore frequenza, si sono trovati   bassi livelli di ormoni dello stress e dell’ansia.

 

Versarsi qualcosa da bere.

 

Sì, troppo alcol non è mai salutare né per il corpo né per la mente.

Ma proprio come fa bene per il cuore in piccole dosi, l’alcol sembra essere anche un bene per il  cervello, se consumato in modo responsabile.

In uno studio condotto presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, in Italia, i ricercatori hanno scoperto che il 29% delle persone di età superiore ai 65 anni, che raramente avevano bevuto durante il corso della loro vita, mostravano  qualche forma di ritardo mentale, rispetto al 19% delle persone che avevano bevuto moderate quantità di alcol.

 

Evitare lo zucchero quando più possibile.

 

“Quello che si mangia influenza come si pensa”, dice Fernando Gomez-Pinilla, Ph.D., professore di neurochirurgia presso David Geffen School of Medicine dell’UCLA. ”

E mangiare una dieta ad alto contenuto di fruttosio nel lungo termine può alterare la capacità del cervello di apprendere e ricordare le informazioni.

Il ricercatore  ha scoperto che mangiare troppi dolci può essere dannoso per il cervello.

 

Nel corso del tempo, dice, grandi quantità di dolci  possono mettere in pericolo l’attività sinaptica, interrompendo la capacità di pensare in modo chiaro.
Invece di soda, caramelle, gelati e prodotti da forno, mangiamo invece frutta fresca e yogurt greco.

 

Mantenere la glicemia nei parametri.

 

Grandi fluttuazioni nei livelli di insulina nel corpo possono influire negativamente sul cervello.
Si ipotizza, anche, che la resistenza all’insulina causata da elevati e costanti livelli di insulina nel corpo, nel corso del tempo, può essere un precursore alla malattia di Alzheimer.

Al contrario se i livelli di insulina sono bassi, o il pancreas smette di produrre l’ormone, la memoria può soffrire.

Due modi per mantenere lo zucchero nel sangue stabile: mangiare carboidrati con un basso indice glicemico, ed evitare di: saltare i pasti e le abbuffate.

 

Acquistare una Wii.

 

O recuperate quella vecchia Xbox.  

I ricercatori in Belgio, facendo una risonanza magnetica dei cervelli di 150 adolescenti, hanno trovato che coloro che avevano giocato spesso ai  video giochi, avevano più cellule cerebrali nella regione sinistra del loro cervello, ovvero, quella  responsabile per il controllo delle emozioni e del comportamento.

Più è  sviluppata questa regione, più aumenta il livello di apprendimento.

 

Guardare meno televisione.

 

Quanto più si guarda, meno sai, dice uno studio del 2010 pubblicato sul Journal of Medicina Preventiva.

Hanno analizzato i questionari di quasi 4.000 persone, osservando, non solo il loro livello di intelligenza generale, ma anche la quantità di TV guardata ogni giorno.

Si è scoperto che, la maggior parte di coloro che guardava la TV, anche via Internet, quattro o più ore al giorno, mostrava  punteggi più bassi nella concentrazione.

Inoltre, passando più di due ore al giorno davanti alla TV, gli studenti corrono il rischio di incorrere in una qualche forma di disturbo dell’attenzione, come l’ ADHD, causato dalla quantità di stimoli, che sovraccaricano il cervello.



 

 
Fare esercizio fisico.

 

Si sapeva che ci sarebbe stato, vero? Sì, l’esercizio fisico non solo migliora il  corpo, migliora anche la funzionalità del  cervello.

Anche solo per 20 minuti, fare esercizio fisico, facilita le funzioni di elaborazione delle informazioni e della memoria.
Aiuta  il cervello a creare  nuove connessioni neurali più veloci. Apprendimento più veloce e  livello di attenzione aumentato.

 

Una vita attiva aiuta a mantenere i tessuti del cervello altrettanto giovani e attivi come tutto il resto del corpo. In realtà, una regolare attività fisica sembra aiutare a rallentare o addirittura ad invertire il decadimento fisico del cervello nel corso del tempo.

 

Mangiare sano.

 

Ciò significa, carni naturali, cereali, frutta fresca, e cibo meno elaborato possibile.

 

Questo perché in uno studio condotto su quasi 4.000 bambini, pubblicato nel Journal of Epidemiology e Community Health , hanno scoperto che, i bambini cresciuti con una dieta salutista,registravano un punteggio più alto nei test di intelligenza, rispetto ai bambini nutriti con una dieta ad alto contenuto di alimenti trattati.

Anche se il cervello umano, durante i primi tre anni di vita, si sviluppa in modo più veloce, i ricercatori dicono che una dieta pulita, sana è altrettanto importante anche dopo che il cervello è completamente sviluppato.

 

Pesce, pesce e poi ancora pesce.

 

Salmone, tonno, e altri abitanti dell’oceano, almeno un paio di volte alla settimana, o, in alternativa, un integratore di olio di pesce al giorno.

Si ritiene che il beneficio può venire dalla combinazione di un miglior  afflusso di sangue al cervello, riducendo l’infiammazione, e aumentando il sistema immunitario, questo grazie all’ampia offerta di frutti di mare e omega3 e 6.

 

Logicamente smettere di fumare oggi!

 

Secondo uno studio, anni di uso del tabacco, intorpidiscono le prestazioni mentali, calano la velocità e l’accuratezza della capacità di pensare in maniera globale.

I ricercatori hanno scoperto che  ragazzi, di età compresa tra 18 e 21, che avevano fumato più di un pacchetto al giorno, in media avevano un 90 di risultato sul loro test di intelligenza, mentre il punteggio medio per un non fumatore è 101 (QI tipico per gli adulti sani di solito è 84-116).

 

Caffè.

 

Il caffè ti fa pensare in modo più chiaro. Lo fa davvero.
Rinforza le sinapsi e migliora le prestazioni, la capacità di apprendere e ricordare aumenta.

 

Bandire pensieri negativi.

 

Credere in se stessi, non è un bene solo per il benessere generale.

Può anche giocare un ruolo cruciale nel modo in cui il cervello lavora in diverse impostazioni.

I ricercatori della University of Pennsylvania hanno analizzato la relazione tra livello di motivazione e le prestazioni su un test di QI, hanno scoperto che coloro che avevano fatto  il migliore  test, erano quelli che  tendevano ad avere atteggiamenti più positivi.

 

Imparare qualcosa di nuovo.

 

Può sembrare ovvio, ma fare qualcosa di nuovo, aiuta il cervello a creare nuovi neuroni.

Ad esempio, l’apprendimento di un nuovo strumento migliora la vostra abilità di tradurre qualcosa che si vede (spartiti) in qualcosa da fare (suonare lo strumento).
Imparare una nuova lingua espone il cervello a un modo diverso di pensare, un modo diverso di esprimere se stessi.

 

cervello

 

 

Si può anche imparare a ballare.

 

Gli studi indicano che imparare a ballare aiuta gli anziani ad evitare il morbo di Alzheimer. Non male, eh?
Non importa quale nuova abilità si decida di intraprendere: parlare una lingua straniera, pittura, falegnameria, ogni volta che si sta imparando una cosa nuova, il cervello si impegna sempre più per imparare tutto.

 

Camminate.

 

Camminare fa bene e non solo al fisico.

Donne e uomini sedentari sono stati incoraggiati a camminare per 40 minuti tre volte alla settimana.

Un anno dopo, quasi tutti i partecipanti allo studio hanno avuto risultati migliori nei test di memoria e di intelligenza, dovuto principalmente al miglioramento della connettività tra le cellule del cervello e del sistema nervoso.

 

Ascoltare musica.

 

… o prendere lezioni di chitarra.  La musica espande il  potenziale di apprendimento.

Numerosi studi dimostrano che la padronanza di uno strumento musicale cambia l’anatomia del cervello e aiuta a pensare più velocemente e con maggiore precisione.

Anche se l’effetto, temporaneo, è meno pronunciato quando si sta solo ascoltando musica, è però lo stesso valido.



 

Dormire di più.

 

Il cervello non è solo più fresco dopo otto ore di sonno, ha anche più potenziale di apprendimento.

 

I ricercatori tedeschi, dell’Università di Lubecca, hanno dato ad un gruppo di uomini e donne di età compresa tra 18 e 32, una serie di problemi matematici complessi da risolvere.

Quelli che avevano riposato bene, avevano  tre volte più probabilità di capire la regola per risolvere le equazioni, rispetto a quelli che avevano dormito meno.

Inoltre le persone che dormono abbastanza sono anche  in grado di ricordare meglio i segnali visivi,  ed elaborare informazioni emotive.

 

Multivitaminici.

 

Assicurarsi di assumere abbastanza vitamine B, C, D, ed E. Multivitaminico su Amazon.

 

Considerare un supplemento di HGH.

 

L’ormone della crescita è una sostanza naturale che aiuta l’organismo a svilupparsi.
Ma dopo i 30 anni, i livelli cominciano a precipitare. Ulteriori dosi, sotto forma di iniezioni o integratori, possono essere una soluzione per mantenere il  corpo e il cervello efficienti, anche in età avanzata.

Su Amazon l’HGH Day 60 caps

 

CONCLUSIONE.

 

Ora che sappiamo come allenare la  mente,  è il momento di iniziare a farlo.
Non basta leggere questo contenuto e poi andare avanti con la  vita come se nulla fosse.

 

Mettiamo questa conoscenza in pratica e diventiamo più intelligenti che mai!

 

 

Ricordate che, se volete assumere integratori, rivolgetevi, prima, sempre al vostro medico di fiducia, anche se non avete delle patologie.

 

 

Benvenuto/a lascia un commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica,in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi delle leggi vigenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi