Natura che aiuta a mantenere la nostra Salute,

 

Rispettare la natura vuol dire rispettare la tua salute
Rispettare la natura vuol dire rispettare la tua salute,

 

 

10 motivi per cui ci si sente così bene in Natura.

 

Kris Abrams, una psicoterapeuta che si basa sulla Natura e praticante sciamanica con Cedar Tree Healing Arts, ha illustrato 10 motivi che spiegano perchè quando ci immergiamo nella Natura, ci sentiamo così bene.

 

Mi sono piaciuti così tanto che voglio condividerli con Voi,  pertanto ve li riporto, scommetto che quando siete immersi nella natura provate le stesse sensazioni. Buona lettura.

 

Terra, fiumi, montagne e alberi! Montagne silenziose, gorgoglianti torrenti e anche balconi e terrazze verdi!

 

Se, anche una volta ogni tanto, trascorrete del tempo immersi nella Natura, probabilmente avrete notato che vi si sentite più felici, più rilassati.

 

Una delle teorie più conosciute, l’ “ipotesi biofilia“, suggerisce che amiamo la natura, perché ci siamo evoluti in essa. Ne abbiamo bisogno per il nostro benessere psicologico, perché è nel nostro DNA.

 

Ma perché la natura ci fa sentire bene e ci aiuta a guarire? Ecco la top ten:

 

Natura Africana

 

10. La Natura ci insegna che non c’è niente di sbagliato in noi.

 

Quando ci troviamo immersi nella natura, non c’è bisogno di guardarci allo specchio.

 

Siamo concentrati su ciò che circonda, o su ciò che si sta facendo, come scalare,  montare una tenda,  o il giardinaggio.

 

Gli studi dimostrano che l’immagine del corpo che hanno le persone,  migliora quando passano il tempo nella natura.

 

Quando sei da solo nella Natura, o con un amico affettuoso o un gruppo di persone, non esistono differenze sessiste, il razzismo, l’omofobia, la transfobia (avversione, solitamente prodotta da pregiudizi e stigmatizzazione, nei confronti di persone transessuali o transgender), classismo ( il pregiudizio o la discriminazione basato sull’appartenenza o no a determinate classi sociali) e tutti gli altri modi in cui ci si opprime, stigmatizza e sminuisce, l’un l’altro.

 

Al contrario, la Natura mostra incredibili diversità in tutta la sua gloria. Ci sono alberi grassi e quelli magri, quelli corti e quelli alti.

 

All’interno di un singolo ciuffo di fiori gialli, si potrebbe vedere una rosa e rendersi conto che si tratta di una mutazione. In natura, non diciamo ‘Com’è sbagliato! Guarda, quel fiore è diverso, quell’albero è grasso! ‘ Invece,  diciamo, ‘Com’è bello!’.

 

Natura Canadese

9. Il tempo rallenta.

 

Urgenza, scadenze e ” il tempo dell’orologio”, ore, minuti e secondi, si sciolgono.

 

Gli orologi ci fanno abbandonare i ritmi naturali del nostro corpo e della Terra e sono conformi a un programma ben radicato del nostro sistema economico. Questo crea un sacco di stress.

 

Il rovescio della medaglia: i modelli della natura con un ritmo di vita più sano.

Gli alberi e le piante crescono L-E-N-T-A-M-E-N-T-E.  I cervi pascolano tranquillamente, conigli e scoiattoli scorrazzano, ma questo è il loro ritmo naturale. Ognuno si muove secondo il suo ritmo naturale, e quando anche noi ci troviamo nella Natura, si comincia a fare lo stesso.

 

 

8. Natura: sostenibilità “appena sufficiente” .

 

La nostra cultura ci insegna che non abbiamo mai abbastanza. Ci sforziamo di fare più soldi, comprare più cose, mangiare cibo più delizioso.

 

La cultura dominante ci incoraggia anche, a non pensare a come questo consumo eccessivo colpisce gli altri, come ad esempio lo sfruttamento degli operai che fanno i nostri vestiti (soprattutto in certe zone del nostro Pianeta), o le persone e gli animali che dipendono da un clima in equilibrio.

 

Al contrario, gli ecosistemi incarnano armonia ed equilibrio.

 

Gli alberi crescono fino a un’altezza che riflette le sostanze nutritive e l’acqua immediatamente disponibili. Scoiattoli memorizzano la giusta quantità di cibo per riuscire a superare l’inverno. (Immaginate come sarebbe assurdo se gli scoiattoli prevedessero di far crescere in modo esponenziale, senza alcuno sforzo da parte loro, la raccolta di noci, come facciamo con i nostri investimenti!).

 

Natura: Torres del Paine

 

7. Si rinuncia al comfort e controllo.

 

La nostra cultura propaga il mito dannoso che dovremmo fare ogni sforzo possibile per essere il più confortevoli possibile,  avere la vita più piacevole possibile e di resistere alle difficoltà il più possibile.

 

Nessun mito ci ha reso più infelice di questo, come popolo. Non possiamo avere il “piacere” o essere confortevoli per tutto il tempo. Non possiamo controllare tutto. Cercando di ottenere sempre comfort e controllo, porta ad una vita noiosa e senza senso, che uccide l’anima.

 

La Natura ti richiama alla realtà. Non si può impedire la pioggia, così come non si può ritardare il tramonto del sole. Non è possibile impostare la temperatura a un comodo 26 gradi.

 

Se stai scalando una montagna, i muscoli stanno bruciando. Ma questo ti porta anche sollievo! Ti svegli da un sogno e ti rendi conto di quanto poco controllo abbiamo davvero.

 

Ci si ricorda che le difficoltà e la mancanza di controllo fanno parte della vita, e accettare questa realtà la rende non solo sopportabile, ma ci fa sentire la gioia di essere vivi.

 

Natura Italiana il Gran Sasso

 

6. La Natura ci ricorda la morte in modo da poter apprezzare la vita e i suoi cicli naturali.

 

In Natura, si incontrano alberi morti per tutto il tempo, ed ecco vicino, invece, giovani piante. Si cammina attraverso una zona bruciata e si vede una profusione di fiori selvatici che prosperano nel suolo arricchito dal fuoco. Si potrebbero anche vedere teschi e ossa di animali.

 

Quando ci troviamo faccia a faccia con la morte, apprezziamo la vita ancora di più, il momento presente, e l’esperienza ci porta picchi di gioia per essere vivi. Molti sopravvissuti al cancro conoscono questa verità scaturita da un duro incontro con la morte. La Natura ci facilita questa realtà.

 

 

5. Il rumore della nostra cultura folle si affievolisce, la mente si calma e finalmente il silenzio e la quiete.

 

Che sollievo! È stato detto abbastanza.

 

Volo di fenicotteri

 

4. Ecco la bellezza della natura.

 

Come è possibile tale maestosità? La forza di quella montagna, in piedi lì per tutti questi millenni! Il miracolo di questo singolo fiore, infuso con la luce del sole. La rivelazione di un albero, radicato nel profondo della terra, che si estende verso il cielo, e la testimonianza silenziosa al mondo che lo circonda! Senti stupore e gioia insieme.

 

 

3. Ci ricorda che si è connessi a tutti gli esseri viventi.

 

Ti senti di appartenere a questa Terra. Che sei parte della comunità della Natura. Che siamo fatti della stessa sostanza, che non è né migliore, né peggiore di quella degli uccelli o di quell’albero.

 

 

2. Ti ricordi chi sei veramente.

 

Ci si sente a proprio agio nella propria pelle, si sente pace, tranquillità e forza, si avverte l’interno del nostro essere. La maschera che si presenta al mondo esterno è irrilevante per un certo tempo.

 

 

 

 

1. Si verifica il Divino.

 

Sia che si chiami Dio, Terra Madre , il Grande Mistero o con un altro nome, la Natura ci aiuta a connetterci con questa potente, amorevole presenza. Si può sentire questa presenza amorevole che ci sostiene, si può ricevere guida e saggezza. La Natura si avvicina al nostro spirito e con lo Spirito.

 

Queste sono le ragioni per cui credo che siamo così felici nel mondo naturale. Questo è il motivo per cui la Natura guarisce, e ci aiuta a vivere una vita di significato e di gioia.

Kris Abrams.

 

 

Che ne pensate, vi rispecchiate in ciò che pensa questa psicoterapeuta? Personalmente sì!

 

Fonte:ecowatch

 

Benvenuto/a lascia un commento